Locandina Film Felici

Felici

(Anni Felici)

Film

Commedia

Ultimo capitolo della trilogia sulle famiglia

diDaniele Luchetti

conKim Rossi Stuart, Micaela Ramazzotti, Martina Gedek, Samuel Garofalo, Niccolò Calvagna, Ivan Castiglione, Angelique Cavallari, Sylvia De Fanti, Benedetta Buccellato, Pia Engleberth

durata: 100 min produzione: ITA (2013)

Link al sito: https://www.facebook.com/ANNIFELICIilfilm

La recensione di FilmTv Di Pedro Armocida - FilmTV n. 40/2013 La trilogia sulla famiglia di Daniele Luchetti, dopo Mio fratello figlio unico e La nostra vita, si conclude con un film che cresce durante la visione a seguire un percorso narrativo che, soprattutto alla deflagrazione dei sentimenti familiari, convince, diventa autobiografia toccante, si riflette in immagini senza una fine - e infatti i fotogrammi proseguono dopo i titoli di coda - perch inscritte nella memoria. Luchetti con Anni felici firma la sua opera pi ambiziosa, provando con audacia a mostrarsi autore (e questo molti non glielo perdoneranno) e intessendo una tela, personale e originale, grazie alla quale contiene anche alcune derive negative del cinema italiano. Come, per esempio, la rilettura storica, con il ruolo prevaricante degli sceneggiatori Sandro Petraglia e Stefano Rulli (qui invece al servizio della storia del film), o come una certa confezione convenzionale (di colonne sonore onnipresenti, di scenografie di maniera...). Perch c tutta lItalia del 1974 nella vicenda familiare di Guido che fa lartista (Kim Rossi Stuart perfetto, come sempre, quando sclera) e di Serena (una casalinga Micaela Ramazzotti) con i loro complicati (dis)amori. Sullo sfondo rimane la grande storia ( lanno del referendum sul divorzio), che non interessa qui a Luchetti perch il punto di vista del figlio Dario di dieci anni (lo sguardo autobiografico del regista interpretato da Samuel Garofalo) a non poterla comprendere. Cos a noi basta lidrolitina, il bollo ACI sul parabrezza, il telefono con i fili che non suonava bens squillava, il Ford Transit, in tv la Linea di Cavandoli, per capire dove (e chi) siamo. La materia su cui Luchetti gioca - utilizzando la camera a mano, i primi piani che finiscono per diventare struggenti dettagli, il flashback, Il Super8 (in un film girato su pellicola), una colonna sonora sorprendentemente minimale con solo due brani depoca (di cui uno pure sui titoli di coda) - quella della memoria di una famiglia. Ed la grazia nel racconto dei gesti pi piccoli - una spazzolatina sulla spalla del bambino per presentarsi bene, o la mano di Dario sulla schiena della ragazzina come ha visto fare alla mamma - a ricordarci la nostra vita vera. Proprio come quella dellestate in cui siamo stati felici ma non lo sapevamo.

Recensione da:

Logo SITO FILM.TV.IT SITO FILM.TV.IT