Locandina Film Perfetti sconosciuti

Perfetti sconosciuti

Film

Commedia

diPaolo Genovese

conAlba Rohrwacher, Kasia Smutniak, Valerio Mastandrea, Marco Giallini, Edoardo Leo, Anna Foglietta, Giuseppe Battiston

durata: 97 min produzione: ITA (2016)

Link al sito: http://perfettisconosciutifilm.tumblr.com/

Paolo Genovese ama particolarmente Gabriel Garcia Marquez e in Perfetti sconosciuti riesce a trasporre in modo perfetto una delle sue frasi simboliche: Ognuno di noi ha tre vite: una pubblica, una privata e una segreta. Il nuovo film del regista romano una pice teatrale che a tratti pu ricordare i recenti Il Nome del Figlio e Dobbiamo Parlare perch ha la straordinaria caratteristica di essere interamente girato in una sera, in particolare proprio a cena. Genovese per va oltre rispetto alle pellicole sopra citate, prendendosi molti rischi e riuscendo a vincerli tutti: non era facile coordinare in questo modo perfetto un cast tanto numeroso e con tante prime donne, mentre altrettanto eccezionale lespediente che d il via alla paradossale, ma assolutamente realistica storia. Il telefonino, come spiega brillantemente Marco Giallini, diventato la scatola nera della nostra vita. Se si vuole indagare su una vita segreta non si pu non partire da questo punto. Per evitare problemi ci sono ormai utenti che hanno comprato cellulari che si sbloccano con limpronta digitale, quasi come fosse unindagine della CIA. Paolo Genovese ritrova attori vecchi come Marco Giallini, Anna Foglietta, Edoardo Leo, Valerio Mastandrea e delle new entries deccezione quali Giuseppe Battiston, Alba Rohrwacher, Kasia Smutniak. Nel gioco tra coppie i protagonisti si mostrano particolarmente affiatati e sempre pronti a scambiarsi di ruolo. La qualit delle battute, specie alcune affidate a Giallini e Mastrandrea, eccezionale e aiuta a rendere Perfetti Sconosciuti una delle commedie migliori degli ultimi anni. Una citazione la merita la splendida omonima canzone di chiusura affidata alla voce di Fiorella Mannoia, che dopo le performance in Tutta colpa di Freud di Daniele Silvestri e di Sei mai stata sulla luna? di Francesco De Gregori conferma gli omaggi del regista alla sua amata citt. La vita segreta messa davanti alla macchina da presa in modo crudo e diretto, miscelando il dramma e la commedia come gi visto in Tutta colpa di Freud, con la consapevolezza che stavolta gli smartphone hanno ucciso davvero il romanticismo e che le nostre vite sono racchiuse ormai dentro a uno schermo da 5 in modo sempre pi irrecuperabile in unopera che segna il vero ritorno alla commedia allitaliana. La frase: "Questi sono diventati la scatola nera della nostra vita". a cura di Thomas Cardinali

Recensione da:

Logo Sito FilmUp Sito FilmUp